Notizie

Quattro i presidenti della Repubblica in visita a Macerata

Scritto il 15/10/2020
da Alessandro Feliziani

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è stato il quarto Capo dello Stato repubblicano a fare visita alla città di Macerata nel corso del proprio mandato e il secondo a intervenire a una cerimonia di inaugurazione dell’Anno accademico della locale università.

Anche l’anno accademico 1995-96, infatti, fu inaugurato alla presenza del presidente della Repubblica che all’epoca era Oscar Luigi Scalfaro, il quale ritornò nell’Ateneo maceratese nove anni più tardi, nel novembre 2004, ormai da presidente emerito, per ricevere la

Il presidente Scalfaro col Senato accademico

laurea honoris causa in Scienze della formazione. La cerimonia in quella occasione si svolse nella mattinata del 26 gennaio 1996 e il presidente Scalfaro, arrivato a Macerata la sera precedente alloggiando all’hotel Villa Quiete, iniziò il programma della giornata assistendo in Duomo alla S. Messa riservata alla comunità universitaria e dopo un incontro in prefettura con le autorità civili, fece ingresso in Ateneo, dove fu accolto dall’allora rettore Alberto Febbrajo e dal Senato accademico. La cerimonia inaugurale del 706° anno accademico ebbe luogo nell’Aula magna.

La prima presenza di un Presidente della Repubblica a Macerata risale però al 1981 con Sandro Pertini, che giunse in città nel tardo pomeriggio del 30 ottobre dopo aver visitato in mattinata Fabriano e nel pomeriggio Tolentino. La visita a Macerata, con ricevimento di tutti i sindaci della Provincia in Prefettura, era parte di una più ampia visita di quattro giorni in diverse città delle Marche.

Anche Carlo Azeglio Ciampi, legato a Macerata dalla sua esperienza negli anni Cinquanta di giovane funzionario della locale filiale della Banca d’Italia – quando ebbe tra l’altro modo di conoscere la sua futura moglie –, volle compiere una visita ufficiale in città nella sua veste di Capo dello Stato, dopo esserci già ritornato nel 1989 per ricevere all’università la laurea honoris causa in Scienze politiche. Ciò avvenne il 21 giugno 2000, un anno dopo il suo insediamento al Quirinale. Fu una vista caratterizzata da un intenso programma di incontri in Prefettura, Municipio, Università e alla biblioteca comunale, dove si svolse la simbolica consegna da parte del presidente Ciampi alla “Mozzi Borgetti”, in “deposito fiduciario”, del fondo librario Pantaleoni di proprietà del Ministero delle Finanze.